Addio a Malcom Young, fondatore degli AC/DC

Insieme al fratello Angus ha scritto un pezzo di storia dell’hard-rock. Suoi molti dei celebri riff degli AC-DC.

Malcolm Young
Malcolm Young

Malcolm Young non c’è più da sabato 18 novembre. Se n’è andato all’età di 64 anni dopo l’aggravarsi delle sue condizioni di salute.

Già nel 2014 fu costretto ad abbandonare il gruppo, a causa della demenza senile che l’aveva colpito, cedendo il testimone al nipote Stevie, appena 3 anni più piccolo dello zio e figlio del fratello maggiore Alex.

Tuttavia Malcolm partecipò alla realizzazione dell’ultimo album, Rock or Bust, ma solo come compositore. Le parti di chitarra ritmica, infatti, furono affidate al nipote Stevie, che già l’aveva sostituito temporaneamente durante la tournée del 1988.

Finito spesso sotto l’ombra del fratello solista Angus Young, è stato forse sottovalutato l’enorme contributo apportato da Malcolm per la buona riuscita del gruppo degli AC/DC.


Oltre ad essere un ottimo ritmico, capace di far incastrare in maniera magistrale le parti delle due chitarre, è stato anche compositore di gran parte dei riff che hanno reso celebre questo gruppo. Dave Mustaine, chitarrista e cantante dei Megadeth, lo ha definito come miglior chitarrista ritmico al mondo insieme a James Hetfield dei Metallica.
Fu anche lui, dopo la morte di Bon Scott, a suggerire Brian Johnson come sostituto.

La chitarra che ha usato per quasi tutti i suoi brano è una Gretsch Jet Firebird del 1963, a cui ha tolto il pickup e la relativa elettronica.
Il suo suono robusto è dovuto anche all’utilizzo di corde molto spesse, ossia 012-056.
In rare occasioni ha utilizzato Gretsch White.

Ha utilizzato normalmente amplificatori Marshall, settato con gain molto bassi, senza effetti. Il segreto del tipico suono degli AC-DC, forgiato principalmente da Malcolm Young, sta nella semplicità e nel modo di suonare.

I fratelli Young sono originari di Glasgow, Scozia. Da bambini si trasferirono insieme ai genitori in Australia, a Sidney.

E’ lì che fondò nel 1973, insieme ad Angous, gli AC/DC, incidendo 18 album in studio. Il resto è storia.

Della storica formazione ora è rimasto solo Angous Young, dal momento che anche Brian Johnson ha abbandonato nel 2016 il gruppo a causa di un problema all’udito, per essere rimpiazzato da Axl Rose.

Precedente La world music dei Kërkim arriva in Francia Successivo Francesco Gabbani, come fare la differenza pur avendo vinto il festival di Sanremo!

Lascia un commento